venerdì 22 settembre 2017

Livia Drusilla: la "first lady" dell'impero romano

Cari lettori, con la mia rubrica culturale del venerdì continua la mia breve serie di post incentrata sulle più importanti matrone romane: dopo Cornelia Gracco, questa settimana è il turno di Livia Drusilla, moglie del primo imperatore Augusto.


Fin da giovane, Drusilla si trovò invischiata nei contrasti tra le diverse fazioni romane, in quel periodo che segna il passaggio dalla repubblica all'impero. Suo padre parteggiava per Bruto e gli oppositori di Cesare, ma si suicidò durante la battaglia di Filippi. 

Il primo marito di Drusilla, Tiberio Nerone, era contro lo stesso Augusto, tanto che la donna fu costretta a scappare con lui. Quando, in seguito a un'amnistia tornò a Roma, Augusto decise di strapparla al marito e di sposarla, nonostante avesse già due figli, dei quali il maggiore sarebbe stato l'imperatore Tiberio. Secondo alcuni l'incontro tra i due fu un vero e proprio colpo di fulmine, per altri sarebbe invece il frutto di accordi politici.

Drusilla mostrò ai suoi sudditi l'immagine di una donna bella ma morigerata, sobria e molto attenta ai propri comportamenti, in opposizione al malcostume orientale, tanto da essere assimilata alla dea Giunone. Le furono dedicate monete, templi e numerosi onori, come quello della Sacrosantitas. Nonostante non abbe figli dall'imperatore, non fu mai ripudiata.

Lo scrittore Svetonio però ci racconta di come la situazione fosse diversa: su di lei aleggia il sospetto delle misteriosi morti dei nipoti e dei figli di Augusto, che spianarono la strada all'elezione del figlio. Inoltre, si pensa che fu lei stessa ad avvelenare con dei fichi il marito per accelerarne la morte, oltre ad aver sfruttato il suo potere per favorire i suoi amici.

Sfruttando la sua popolarità, dopo la morte di Augusto, Livia fece sì che il figlio Tiberio diventasse il nuovo imperatore: dopo qualche tempo, però, il rapporto tra i due si deteriorò, tanto che, quando Livia morì, il figlio vietò che fosse divinizzata. 

I romani però continuarono a concepirla come un'imperatrice intelligente e una moglie devota. 

Fonti e siti di approfondimento:




Foto tratte da Wikipedia.

giovedì 21 settembre 2017

Autunno: curiosità e letteratura

Cari lettori, oggi è il primo giorno d'autunno, una stagione che può essere uno strascico dell'estate ma anche il preludio dell'inverno: io spero proprio che questa stagione ci regalerà giornate tiepide e soleggiate, e voi?


 http://blog.pianetadonna.it/trillyglitter/wp-content/uploads/2014/09/FallWindow.gif


Oggi, per prepararci al meglio a questa stagione, ecco 5 curiosità a tema:

- Solo durante gli equinozi di primavera e d'autunno il sole sorge esattamente a est e tramonta proprio ovest;

- Non sempre l'equinozio d'autunno cade lo stesso giorno: questo perchè la Terra non impiega esattamente 365 giorni a girare attorno al sole, ma 365, 25. Capita quindi che, a volte, l'equinozio cada  il 22, il 23 o il 24 settembre. Quest'anno, per esempio, la data esatta sarebbe domani, 22 settembre;

- Per i metereologi, invece, il primo giorno d'autunno sarebbe già arrivato... addirittura al primo di settembre! Essi, infatti, per convenzione, dividono le stagioni in quattro parti facendole coincidere con l'inizio del mese;

- Esistono molte feste legate all'autunno, da quella dei Drudi a Stonehenge, a quella coreana, californiana e dei nativi americani;

- Tra il 1793 e il 1805, i rivoluzionari francesi impostarono il loro calendario in modo tale che l'anno iniziasse con l'equinozio d'autunno.


Se volete prepararvi all'autunno con delle letture, ecco a voi qualche spunto narrativo ma anche manualistico, per chi si diletta con la cucina:


TRAMA (da amazon)

 «Avevo promesso a me stessa di cancellare quella serata dalla mia testa e di non parlarne mai con nessuno, invece, finalmente, ho detto a qualcuno del bacio... peccato che quel qualcuno sia proprio il ragazzo che ho baciato. Ironico? A quanto sembra la mia vita ultimamente è piena d'ironia».
Autumn Lawrence ha abbandonato la sua vita fatta di certezze per inseguire il suo sogno di diventare fotografa, ha rinunciato alla sicurezza di una vita agiata per fare ciò che più ama. Ogni scelta, però, ha delle conseguenze e, per mantenere i suoi studi, lavora come cameriera al ristorante dei genitori della sua migliore amica Summer. Giunta all'ultimo anno di università, si ritroverà a dover affrontare un ulteriore imprevisto: il professore Tyler Scott. Sin dal primo momento in cui l’ha conosciuto, quasi due anni prima, tra loro c'è sempre stata ostilità. Ma, costretta a lavorare con lui a un nuovo progetto, Autumn si accorge che i suoi sentimenti non sono esattamente quelli che credeva.
«Sin da piccolo mi hanno detto che ero un bastardo, un figlio nato nel peccato, ebbene io ho fatto di quell'affermazione la mia forza fino a farmi tatuare il simbolo di quel peccato vicino al cuore, ecco cosa significa il serpente con la mela. Se sono un bastardo, è meglio che lo sappiano tutti, nasconderlo è inutile, ci ho provato, ma non è servito a nulla».
Tyler Scott è il classico cattivo ragazzo, pieno di piercing e tatuaggi, quello su cui nessuno mai punterebbe ad eccezione della vita che lo ha portato a percorrere una strada inaspettata.
Per Ty è giunto il momento di un nuovo inizio, a Santa Barbara, nella speranza di poter cancellare il ricordo degli errori fatti in passato, errori che lo tormentano ancora oggi e a cui è impossibile rimediare. L'unica cosa che non vuole dimenticare è di avere un conto in sospeso con Autumn, la "rossa", di cui ora è il professore.
"Professore", una definizione che mai si sarebbe aspettato potesse appartenere a se stesso, ma insegnare è la sua nuova professione anche se dipingere sarà sempre la passione della sua vita. Tyler però, lavorando con l'antipatica rossa e conoscendola meglio, capirà che a volte, nella tavolozza dei colori della vita, il rosso non indica solo la vendetta, ma anche l'amore.


TRAMA (da amazon)

Le foglie cadono, l'autunno sta arrivando e Juliet Miller ha ancora il cuore dolorante per il suo burrascoso divorzio dopo aver trovato Roger, suo marito, a letto con Hattie, la migliore amica dai tempi del liceo. Tutto ciò che desidera è cambiare vita, per cui compra un appartamento e si mette a cercare un coinquilino con cui dividere le spese. Dopo decine di improbabili candidati, si presenta Floz, una coetanea che profuma di fragola e che per lavoro scrive poesie e frasi per i biglietti d'auguri. Reduce anche lei da una relazione finita male, ha lo stesso desiderio di Juliet di voltare pagina. Tra loro c'è subito sintonia e dopo poche settimane la loro convivenza funziona così bene da poter diventare per entrambe l'occasione giusta per voltare le spalle al passato. Floz, desiderosa di ricevere quell'affetto di cui la vita è stata avara, si lega da subito alla famiglia Miller. Juliet considera Floz un'amica sempre più preziosa, i suoi genitori la trattano come una figlia e persino il loro vecchio gatto fa le fusa quando la vede. Anche Guy, il gemello di Juliet, chef rinomato, non riesce a resistere al suo fascino e si innamora perdutamente di lei. Le circostanze gli impediscono però di manifestarle i propri sentimenti e, quando si sente pronto a farlo, scopre che Floz è ancora presa da una misteriosa vecchia fiamma... Juliet, dal canto suo, sembra non accorgersi della passione segreta che nutre per lei Steve, il migliore amico di Guy, e corre dietro al suo capo, un avvocato immerso nel suo lavoro...
  

TRAMA (da amazon)

Suzanne ha l'orecchio attento all'armonia della vita. È accordatrice di pianoforti da sempre, e da sempre sa ascoltare la cadenza delle giornate, il ritmo della sua stessa esistenza, le note sempre uguali dei suoi pensieri.
Finché, un giorno, un incontro cambia tutto. Quel giorno di settembre, in cui Suzanne entra per la prima volta a casa di Serge, a Montmartre. È lì per accordare il piano di suo figlio. All'inizio, Suzanne e Serge non si accorgono l'una dell'altro. Ma poi una nota nuova e improvvisa sembra risuonare nell'aria. E i due, a poco a poco, pur essendo entrambi sposati, invischiati in altre vite, si innamorano. Al punto che Serge sceglierà di fare di Suzanne l'unica depositaria di un segreto terribile, legato alla sua infanzia, un segreto che gli avvelena la vita. Un amore impossibile, il loro, tormentato, destinato a finire. Eppure, un incontro che racchiuderà per entrambi il senso di una vita.
Dopo Ritrovarti, molto amato anche dai lettori italiani, Véronique Olmi torna con un romanzo delicato e struggente, che riesce a toccare tutte le corde del cuore.


TRAMA (da amazon)

Questo agile ricettario, suddiviso in tre sezioni - "Al sapore di zucca", "Al sapore dell'orto" e "Al sapore di frutta" - vi farà scoprire i sapori genuini e rustici della cucina montanara. La zucca è la protagonista indiscussa delle ricette autunnali e la sua versatilità è sfruttata dall'antipasto al dolce per numerosi piatti ricchi di sapore e di colore. Ma l'autunno porta con sé anche altri prodotti della terra, alcuni noti e molto diffusi come patate, cavoli, funghi e castagne, altri meno utilizzati e magari poco apprezzati, come rape, verze e melagrana. Imparerete a cucinarli per esaltarne il gusto e i profumi e per stupire i vostri ospiti.


Buon autunno a tutti!!


Fonti:



mercoledì 20 settembre 2017

Segnalazioni collettive #2

Cari lettori, oggi per voi un paio di segnalazioni, che mi sono state proposte dall'agenzia letteraria "Saper scrivere", che ringrazio per avermi contattata. Sono due romanzi molto diversi, ma entrambi dalla trama particolare e interessante, andiamo a scoprirli:


Titolo: Un giorno qualunque
Autore: Alessandro Dainotti
Editore: Astro Edizioni
Data di uscita: 7 febbraio 2017
Pagine: 174; prezzo: 2,99 (ebook); 13,90 (cartaceo)
ISBN-10: 8899768447; 
ISBN-13: 978-8899768447

Adriano è uno dei tanti italiani emigrati a Londra. È un giorno qualunque della sua vita eppure, quando vede un bambino e una donna seduti in un bar, riaffiorano potenti i ricordi. L’infanzia dentro la libreria Pizzuto, le discriminazioni a scuola, l’insoddisfazione del lavoro, l’addio alla Sicilia per trasferirsi a Roma, l’amore per Tiziano. La vita attuale e le vite del passato si alternano tra riflessioni e ricordi felici, fino a quando Adriano incontra Giacomo, che gli offre il suo aiuto. Per il ragazzo comincia una vita fatta di menzogne, poi Tiziano scopre il tradimento e decide di lasciarlo. È allora che Adriano parte per il Regno Unito. Passato e presente collimano, a fine giornata, in un ultimo e fatale incontro. Solo in quel momento Adriano sarà costretto a fare i conti con il passato e accettare la realtà.

L’AUTORE
Alessandro Dainotti è nato a Siracusa nel 1983. Dopo il diploma di geometra, ha intrapreso gli studi in Lingue straniere e si è laureato in Editoria e giornalismo alla Sapienza di Roma.
Una volta conseguita la laurea si è trasferito a Londra, dove attualmente vive e lavora. Un giorno qualunque è il suo romanzo d’esordio.



Titolo: Il segno della tempesta
Autore: Francesca Noto
Editore: Astro Edizioni
Data di uscita: 18 aprile 2016
Pagine: 294; prezzo: 2,99 (ebook); 12,67 (cartaceo)
ISBN-10: 8899768080; ISBN-13: 978-8899768089

Lea Schneider ha un dono, o forse una maledizione. Riesce a percepire con impressionante chiarezza le emozioni altrui. È sempre stato un fardello complicato da gestire, in grado di trasformare la sua adolescenza in un inferno. Anni dopo, le sue capacità tornano a manifestarsi con forza. In preda a strani sogni premonitori, Lea decide di fuggire verso la regione più selvaggia della Florida, dove è stata concepita vent'anni prima. Ciò che non sa è che quel viaggio - come il suo dono - fa parte di un disegno più grande. Chi è Sven, il ragazzo senza un passato e dotato di capacità ben più potenti delle sue? Nuove forze scoprono le carte di una partita antica, di cui i due giovani sono il fulcro.

L’AUTORE
Francesca Noto vive a Roma, dove è nata nel 1977, con il marito e due figlie. Laureata in lettere antiche con indirizzo archeologico, ha poi scelto di seguire il suo sogno di lavorare nella scrittura creativa ed è diventata una giornalista, editor e traduttrice professionista di narrativa. Appassionata fin da bambina di heroic fantasy, scherma medievale, equitazione, giochi di ruolo e videogiochi, ha iniziato a scrivere il suo romanzo d'esordio, Il segno della tempesta, nel periodo dell'università, per concluderlo e pubblicarlo nel 2016 con Astro Edizioni. Al momento sta scrivendo il suo secondo romanzo, un sequel stand-alone dal titolo I figli della tempesta, che uscirà per Astro Edizioni a ottobre 2017.



Ragnarök, il crepuscolo del mondo, si avvicina..

“Chi legge questo romanzo viene catapultato altrove, in un mondo fantastico che nessuno ha mai osato avvicinare alla nostra realtà. Leggendolo mi sono ritrovata a vivere le emozioni dei miei 20 anni.”
Sale & Pepe, letture da gustare

“Francesca Noto è una professionista della scrittura e questo si capisce immediatamente leggendo il suo romanzo d’esordio.”
Italnews

“Per chi ama il genere fantasy questo romanzo ha tutti gli ingredienti per essere apprezzato. Benché sia un’opera autoconclusiva, rimane il desiderio di scoprire altro su questi personaggi che sicuramente potrebbero avere intriganti avventure che possano ancora lasciare i lettori con il fiato sospeso.
 Les Fleurs du Mal