lunedì 22 maggio 2017

Grazie per la bruttissima esperienza

Cari lettori, iniziamo la settimana con la segnalazione del nuovo romanzo di Maria Letizia Musu, che si preannuuncia come una piacevole lettura, uscito ieri e disponibile a soli 1,99 euro. Per saperne di più, ecco la sinossi:

Lorenzo ha appena concluso una relazione importante. Dopo tre anni di convivenza, Carla lo ha lasciato. Non cerca una nuova storia e tutto ciò che chiede è starsene da solo per un po', cercando di dimenticare la donna che ha amato.
'Lei mi amava ma decideva di lasciarmi, con sofferenza e la consapevolezza che io non potevo darle quello che voleva; io, d'altro canto, ero costretto a terminare un rapporto che dal mio punto di vista andava a gonfie vele.'

Rebecca è alla ricerca del Principe Azzurro, crede nell'amore romantico e forse l'ha trovato: Andrea, ragazzo bellissimo e sogno segreto di qualunque donna sana di mente.
'Avevo appena dato del maniaco al ragazzo più bello della mia palestra, uno che è il sogno segreto di ogni donna sana di mente, uno di quei rari esemplari che possono anche stare zitti e le loro quotazioni avrebbero comunque un'impennata.'

L'incontro tra Rebecca e Lorenzo avviene nel momento meno opportuno per entrambi. Ma a volte il destino se ne frega dei momenti opportuni e, come dice Kafka: l’amore è come un’automobile senza problemi. I problemi sono solo nel guidatore, nei passeggeri e nella strada.



In bocca al lupo all'autrice e buona lettura a quanti di voi decideranno di leggerlo!

sabato 20 maggio 2017

Intervista

Cari lettori, nell'augurarvi un buon fine settimana, vi lascio il link di una mia intervista da poco pubblicata sul blog di Evelyn Storm, buona lettura!

giovedì 18 maggio 2017

Non ditelo allo scrittore

Cari lettori, tra le nuove uscite di oggi non posso non segnalarvi l'ultimo romanzo di una serie che mi piace molto, quella con protagonista la ghostwriter Vani, scritta da Alice Basso: chissà in quali avventure verrà coinvolta la protagonista in questo nuovo episodio... sono molto curiosa di scoprirlo!

TRAMA (da amazon)

A Vani basta notare un tic, una lieve flessione della voce, uno strano modo di camminare per sapere cosa c’è nella testa delle persone. Una empatia innata che Vani mal sopporta, visto il suo odio per qualunque essere vivente le stia intorno. Una capacità speciale che però è fondamentale nel suo mestiere. Perché Vani è una ghostwriter. Presta le sue parole ad autori che in realtà non hanno scritto i loro libri. Si mette nei loro panni. Un lavoro complicato di cui non può parlare con nessuno.
Solo il suo capo sa bene qual è ruolo di Vani nella casa editrice. E sa bene che il compito che le ha affidato è più di una sfida: deve scovare un suo simile, un altro ghostwriter che si cela dietro uno dei più importanti romanzi della letteratura italiana. Solo Vani può trovarlo, seguendo il suo intuito che non l’abbandona mai. Solo lei può farlo uscire dall’ombra. Ma per renderlo un comunicatore perfetto, lei che ama solo la compagnia dei suoi libri e veste sempre di nero, ha bisogno del fascino ammaliatore di Riccardo. Lo stesso scrittore che le ha spezzato il cuore, che ora è pronto a tutto per riconquistarla. Vani deve stare attenta a non lasciarsi incantare dai suoi gesti. Eppure ha ben altro a cui pensare. Il commissario Berganza, con cui collabora, è sicuro che lei sia l’unica a poter scoprire come un boss della malavita agli arresti domiciliari riesca comunque a guidare i suoi traffici. Come è sicuro che sia arrivato il momento di mettere tutte le carte in tavola con Vani. Con nessun’altra donna riuscirà mai a parlare di Chandler, Agatha Christie e Simenon come con lei. E quando la vita del commissario è in pericolo, Vani rischia tutto per salvarlo. Senza sapere come mai l’abbia fatto. Forse perché, come ha imparato leggendo La lettera scarlatta e Cyrano de Bergerac, ogni uomo aspira a qualcosa di più grande, che rompa ogni schema della razionalità e della logica.
Vani è ormai uno dei personaggi più amati dai lettori italiani. Dopo il successo dell’Imprevedibile piano della scrittrice senza nome e di Scrivere è un mestiere pericoloso, Alice Basso torna con la perfezione e l’originalità di uno stile che le ha portato l’ammirazione della stampa più autorevole. Un nuovo romanzo, stesse caratteristiche imperdibili: libri, indagini, amore e una protagonista che diventerà come un’amica un po’ strana che non riuscirete più ad abbandonare.

mercoledì 17 maggio 2017

Borgo Propizio

Cari lettori, oggi dedicherò questo post alla recensione di "Borgo Propizio" di Loredana Limone, edito da Guanda.

Era da un po' che volevo leggere questo romanzo, primo di una serie, che ho visto più volte recensito positivamente nei vari blog che frequento... e finalmente è arrivato anche il suo turno!

Il vero protagonista della storia è proprio lui, questo borgo in collina, un po' isolato, privo di coordinate geografiche, attorno al quale ruotano le vicende di varie persone, molto diverse tra loro, ma tutte alla ricerca di un nuovo inizio e della loro felicità, il cui borgo, si rivelerà per loro effettivamente "propizio": insomma, un nome una garanzia!

Tra queste spicca Belinda, una ragazza che, dopo una carriera professionale non soddisfacente, decide di aprire nel borgo una latteria, realizzando così il suo sogno di bambina, e pazienza se nel negozio aleggia la presenza inquietante di un fantasma...

Belinda è una ragazza semplice, molto attaccata ai genitori, i quali, purtroppo, stanno attraversando una crisi di coppia: in suo aiuto però interverrà zia Letizia, grande amante di Gianni Morandi, che cercherà con tutti i metodi di sistemare la situazione.

Chi si occupa della struttura del negozio è invece Ruggero, un uomo dall'animo sognatore, ancora alla ricerca dell'anima gemella, possibilmente che possa ottenere l'approvazione dei suoi anziani e burberi genitori. Quando si scontrerà con Mariolina, dipendente comunale, più anziana di lui e ormai rassegnata a un eterno "zitellaggio", forse sarà l'inizio di un vita...

Mi è piaciuto molto leggere questo romanzo, dai contorni quasi fiabeschi: è una storia che dona ottimismo, serenità e fiducia nel futuro. Lo stile è scorrevole ed è facile entrare in sintonia con i personaggi, proprio per il loro essere persone comuni, con una vita semplice e dei sogni che si possono condividere facilmente. Proprio per questo conto di recuperare anche gli altri libri della serie!

martedì 16 maggio 2017

Ti prego perdonami

Cari lettori, oggi per voi un consiglio firmato Melissa Hill: una storia avvincente, ricca di sentimenti e di mistero, che stuzzica la curiosità del lettore sin dalle prime pagine.

TRAMA (da amazon)

Chi non ha mai sognato di saltare sul primo aereo e lasciarsi tutto alle spalle? Leonie, capelli rossi e cuore irlandese, l'ha appena fatto. Se ne è andata da Dublino mandando a monte il matrimonio, ed è volata nell'incantevole e libera San Francisco dei cable car, delle otarie che prendono il sole sul molo, dei cieli azzurrissimi e frizzanti, per provare a iniziare da capo in un luogo dove nessuno sa chi è, né conosce il suo segreto. Ma ad aspettare Leonie c'è una storia misteriosa, racchiusa in un cofanetto di legno che trova per caso nella casetta in stile vittoriano con vista sul Golden Gate che ha preso in affitto. Il cofanetto è pieno di lettere d'amore, tutte indirizzate a una certa Helena, e tutte si chiudono con un'identica frase: ti prego, perdonami. Chi è quest'uomo così gentile, dolce e disperato che le firma? E perché le lettere sono ancora lì, dimenticate? Commossa dalle parole toccanti e vere che si ritrova a leggere, Leonie si imbarca nell'impossibile tentativo di rintracciare la destinataria di un amore passato. E, forse, ricostruendo la storia d'amore di due sconosciuti riuscirà a fare i conti con la propria. In questo nuovo libro di Melissa Hill tornano lo humor leggero, le amicizie luminose che resistono alla distanza, la curiosità delle ragazze che fa sempre girare il mondo. E, naturalmente, l'amore, più forte che mai.

lunedì 15 maggio 2017

Questione di gusti

Buon lunedì, cari lettori! Iniziamo la settimana con la segnalazione del romanzo di Evelyn Storm, "Questioni di gusti", disponibile in formato ebook a soli 0,99 centesimi. Ecco la trama:

TRAMA (da amazon)

Benedetta, sconvolta dal tradimento omosessuale del fidanzato, è invitata dalle prozie a trascorrere una settimana di villeggiatura a Jesolo... per distrarsi dalle frustrazioni. Suggestionata dal suo improvviso “odio” verso il genere maschile, però, passa il tempo tra spiaggia e mare a fare la guerra a ben tre fratelli che le gironzolano intorno. Ma questo suo scontro aperto mette a repentaglio la possibile nascita di un qualsiasi rapporto sentimentale, finché il suo subconscio non le fa comprendere ciò che il cuore ha già capito. Perché, dopotutto, la vita è solo una “questione di gusti”.




domenica 14 maggio 2017

Festa della mamma: letture a tema

Cari lettori, auguri a tutte le mamme, ma anche a quelle che presto lo diventeranno! Ecco a voi qualche spunto di "lettura a tema":

TRAMA (da amazon)

Tutta colpa della cicogna. Se la cicogna avesse fatto il suo dovere, Emma sarebbe una donna felice. E non un'Aspirante Madre. Invece eccola qui, dalla parte sbagliata dei 35, con una terrazza piena di rose e un amorevole Consorte... Cosa manca? È ovvio, un bambino. Che, ostinatamente, non arriva. Così Emma guarda di nascosto le vetrine prémaman, passa ore nelle sale d'aspetto dei centri fertilità, compila una lista di Mamme Tardive Over 40, passa il suo sguardo scanner su tutte le donne che incontra. Ed è dura, la vita di un'Aspirante Madre. Anche perché, come spesso accade, le amiche di Emma, pronte ad accompagnarla a un sushi consolatorio nel momenti di grande disperazione, hanno però altri problemi...


TRAMA (da amazon)

“Vite di Madri” è un romanzo che si snoda attraverso storie di donne legate fra loro, apparentemente, solo da un percorso di infertilità.L’incipit e la conclusione, entrambe affidate a un io narrante che si rivolge direttamente al lettore, illustrano il progetto che l’autrice, anch’essa infertile, ha deciso di condividere creando una raccolta di centocinquanta testimonianze vere, rielaborate, che gettano luce sul lato oscuro della maternità negata o infertile nell’utero e nel cuore. Sono tredici storie.Storie di donne mortificate nella femminilità, da abusi o da malattie o da eventi imponderabili. Storie di nonne e madri, che hanno generato creature infertili nell’utero e nel cuore.Storie di bambine, ora cresciute, ma ancora bramose di una carezza.Storie di figlie desiderate, con amore indomito.Storie di guerriere vittoriose, non di vittime, che hanno saputo rialzarsi e sorridere alla vita.In verità, sono tutte storie di Madri.Madri di idee, di progetti, di sogni.Seni turgidi di Dee che accolgono amiche, sorelle, mariti, amanti.Madri delle proprie madri e perfino di se stesse, capaci di far germogliare speranza e abortire fantasie, di creare dal nulla e di nutrire di sé: totalmente imperfette e, per questo, così seducenti e difficili da decifrare.


TRAMA (da amazon)

Eleonora e Riccardo desiderano un figlio. La strada per diventare genitori sarà però tutta in salita, costellata di visite mediche, di lotte contro i pregiudizi, di sconfitte. Diario per mio figlio è la storia vera di una donna che si è battuta contro i propri limiti e contro chi le ha dato dell'egoista durante la sua ricerca della maternità. È anche un punto di partenza per porsi domande importanti: una coppia può esistere senza un figlio? Quando arriva il momento di fermarsi con i tentativi? Non ci sono risposte certe e valide per tutte. L'importante è scegliere la propria strada e portarla avanti con forza e serenità.


TRAMA (da amazon)

Diario di una maternità negata. Lei lavora nell'alta finanza, lui è un artista, si sono conosciuti in giovane età ed è nata una bella storia d'amore. Si sono sposati credendo di aver raggiunto la felicità. Ma non tutto va sempre come si desidera: quando si pensa di poter avere quello che si vuole, arriva sempre un imprevisto a sconvolgere i piani. Lo sanno bene Luisa e Leonardo, in cerca di un bambino che non vuole arrivare; hanno i mezzi finanziari per avere il meglio della medicina e le cliniche più esclusive, ma i soldi non possono essere la risposta a tutto. Si può accettare la sterilità ed essere felici? Tra cene familiari discutibili, viaggi della speranza e attese estenuanti, Luisa e Leonardo ci raccontano, anche con un pizzico d'ironia e, soprattutto,con tanta voglia di vincere, come affrontare il dramma di un bimbo che non vuole arrivare.


TRAMA (da amazon)

Lei ha 27 anni e crede nel mojito, nella carriera, nel suo uomo e nei viaggi improvvisati. La nana ha cinque settimane e abita la sua pancia. Scoprirlo è uno shock, "fare la mamma" sembra un'attività totalizzante, incompatibile con libertà, sogni, ambizioni. L'autrice decide di affrontare la situazione armandosi di buoni propositi, ma soprattutto di ironia. Qui si sostiene che è buono e giusto conservare la parte migliore di sé - quella divertente, folle, avventuriera - anche dopo un figlio. Che l'istinto materno a volte arriva e altre volte è in ritardo. Ma anche che esistono momenti neri che nessuno racconta, che dopo un mese di neonato ne servirebbero tre di psicoterapia, che ogni tanto è normale rimpiangere il "prima". Dimenticate la mammina che chiama il figlio "angioletto" anche se non dorme da quindici settimane, quella che considera il parco giochi una botta di vita e decanta le gioie delle vacanze coi nonni. Preparatevi a scoprire tutta la verità riguardo alla vita col pupo, e anche gli esilaranti retroscena di pappe, giochi e ninne nanne. Un libro dedicato alle donne che si sentono troppo giovani per fare figli, a quelle che ci pensano ma non sanno cosa le aspetta, a quelle che già ne hanno e certe volte, con tutto l'amore del mondo, vorrebbero fuggire alle Bahamas.


TRAMA (da amazon)

Anya, Morna e Klarissa, ovvero Anna, Roberta e Chiara, sono tre amiche a distanza, tre mamme e professioniste dall'animo combattivo e dalla penna veloce che un giorno decidono di aprire un blog, col tempo diventato uno dei più letti della rete. Per anni, ogni lunedì hanno sfornato un ritratto di mamma, ogni volta mettendo un tipo materno sotto la lente impietosa del loro sarcasmo. Quando la rubrica è partita, portando il successo al blog e alla loro pagina Facebook, hanno capito che nulla avrebbe più potuto frenare le loro lingue taglienti. A partire dall'esperienza di successo sul web, le tre autrici hanno dato alla luce "Cinquanta sfumature di mamma in 20 test molto poco scientifici", un libro gioco con 20 test per 60 profili da scoprire: Distratta, Ansiosa, Riguardante, Falsa sapiente, Oracolo, Nonnassistita, Esaurita, Zen, Igienista, Fasciante, Socializzatrice, Ape regina, Rinunciante, Pigra, Gnocca, Vip... Basta rispondere alle 200 domande per delineare un vero e proprio identikit e scoprire che mamma sei... al supermercato, in viaggio, al parco, all'uscita da scuola. E quando la verità viene a galla, be', è troppo difficile ignorarla...

 
TRAMA (da amazon)

Appena ha sentito un piccolo cuore battere dentro di sé, Giada ha cominciato a essere madre. Ma solo quando l’ha stretta tra le braccia quella vita è esistita davvero. Un attimo prima Giada era una persona, un attimo dopo un’altra, e per sempre. Perché quando nasce un figlio si rinasce di nuovo. Si rinasce madri. Da quel giorno ha studiato tutti i manuali esistenti in commercio e ha ascoltato ogni consiglio. Affinché Mya, il suo dono più prezioso, fosse al sicuro, protetta, amata. Eppure non sempre tutto le veniva come era scritto in quei libri o come le avevano detto di fare. Ed è stato allora che ha capito una grande verità: che non esistono regole, leggi, dogmi imprescindibili. Il mestiere di madre si fa ogni giorno, si impara sul campo tra una ninnananna ricca di parole dolci e un rigurgito che rimane su una maglia per giorni. Tra un abbraccio che arriva inaspettato e cambia la giornata e un cartone animato che si odia perché lo si conosce ormai a memoria. Non c’è una ricetta, nessuno la conosce. Le risposte sono dentro ogni madre, sono lì, nel profondo dove risiede l’istinto. Dove vive e cresce l’amore più incondizionato che si possa provare. Dove non c’è bisogno di consultare nessuna enciclopedia per sapere cosa è giusto fare. È l’imperfezione l’unica verità. La morbidezza di un bacio sbavato, la bellezza di un codino che non riesce a star dritto. La ribellione di scegliere un calzino di un colore diverso dall’altro. Sono queste le magie che scaldano il cuore e fanno un figlio felice. Perché solo non seguendo le regole si trova il coraggio di essere madri a proprio modo.